Tempo di lettura 4 minuti

Come fare domanda di pensione di vecchiaia?

Finalmente è arrivato il giorno tanto atteso!

Anni e anni di duro lavoro, sacrifici, rinunce, imprevisti ma anche tante soddisfazioni, e finalmente è arrivata la tanto attesa domanda di pensione di vecchiaia.

domanda di pensione di vecchiaia inps
  • facebook

Il culmine della carriera lavorativa racchiude in se un concentrato di emozioni contrastanti.

Dispiacere di lasciare le persone con le quali abbiamo condiviso la maggior parte della nostra vita, sofferenza nel distaccarsi da quei punti di riferimento che negli anni sono diventati parte di noi, ma allo stesso tempo una carica di emozioni positive.

Finalmente possiamo gestire il nostro tempo autonomamente, possiamo curare quelle aree della nostra vita alle quali fino ad oggi, per mancanza di tempo, non abbiamo dato la giusta attenzione.

Bene, nel bel mezzo del turbine emozionale, dobbiamo anche scontrarci con la dura realtà.

Sei carico e positivo ma giustamente, come al solito, scontrarsi con la burocrazia Italiana è sempre un duro colpo.

A causa della farraginosa e complicata informazione dei media, le domande che ti poni difficilmente trovano risposte semplici e concrete.

Non sai, ad esempio, quanto tempo prima inviare la domanda di pensione di vecchiaia e ne tanto meno a quanto ammonta la pensione di vecchiaia.

Lo so, ti capisco, è frustrante! Il tuo obiettivo è solo quello di inviare la tua domanda di pensione di vecchiaia ma il percorso che ti separa dall’obiettivo ti fa sentire la stessa fatica di uno scalatore che tenta di raggiungere la cima dell’Everest.

Per tranquillizzarti posso dirti che ti trovi nel posto giusto.

domanda di pensione di vecchiaia
  • facebook

Lo so cosa stai pensando: “si tanto anche l’altro articolo diceva più o meno quello che stai dicendo tu”.

Questo articolo non ha grandi pretese, semplicemente voglio cercare, nel mio piccolo, di facilitarti il compito di invio della tua domanda di pensione di vecchiaia, fornendoti qualche consiglio utile e un tutorial video, all’interno del quale, potrai conoscere tutti i passaggi che ti guideranno all’inoltro della domanda sul portale telematico dell’inps.

Quanto tempo prima bisogna fare domanda?

Bene, a prescindere dal periodo temporale nel quale ti trovi ovvero, che tu stia ancora lavorando o che tu abbia già terminato la tua attività lavorativa, ciò che devi sapere è che l’invio della domanda può essere effettuato 3 mesi prima del conseguimento dei requisiti di legge.

Per requisiti di legge intendo quei requisiti anagrafici e contributivi minimi che ti consentono di accedere al pensionamento, che sono rispettivamente:

  • pensione di vecchiaia: 20 anni di contributi, 67 anni di età (uomini e donne;
  • pensione anticipata: 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne, 42 anni e 10 mesi per gli uomini, nessun requisito anagrafico per entrambi i sessi.

L’ottenimento dei requisiti che ti ho appena elencato può essere perfezionato anche accedendo alle diverse forme di pre-pensionamento, ovvero:

Se clicchi su ognuna delle prestazioni sopra citate, potrai conoscerne nel dettaglio i requisiti.

Qual è la decorrenza della domanda?

Una volta inoltrata la tua domanda, questa decorrerà dal primo giorno del mese successivo l’inoltro della domanda.

Per fare un esempio pratico: se inoltrerai la tua pensione di vecchiaia a marzo questa decorrerà dal 1° aprile.

E’ opportuno ricordarti, che affinché tu possa fruire della prestazione, devi cessare totalmente l’attività da lavoro dipendente affinché l’inps possa accettare la domanda.

Per quanto riguarda invece i lavoratori autonomi, questi possono continuare a svolgere attività lavorativa pur percependo la prestazione.

A quanto ammonta l’importo?

Questa è ovviamente la domanda più difficile alla quale dare una risposta precisa è pressapoco impossibile a causa delle innumerevoli variabili che intercorrono nel calcolo della prestazione.

a quanto ammonta la pensione di vecchiaia
  • facebook

Posso però dirti che, l’importo della tua prestazione, dipenderà per larga parte dal metodo di calcolo che verrà applicato alla tua pensione, ovvero:

Come ben sai, quello più vantaggioso è il sistema retributivo, ma se vuoi avere informazioni più dettagliate, ti invito a cliccare sul metodo di calcolo che più ti interessa per ricevere maggiori informazioni.

Se invece vuoi sapere come viene effettuato il calcolo della pensione questo è l’articolo che fa per te.

 
 
 

Come inviare la domanda di pensione di vecchiaia?

A questo punto siamo arrivati alla fine dell’articolo, o meglio, al momento in cui le parole lasceranno il posto alle immagini del video tutorial che ho preparato appositamente per te!

Grazie a questo tutorial sarai in grado di inviare autonomamente la tua domanda di pensione di vecchiaia, prima però devo ricordarti alcune cose.

Ricorda che per accedere al portale Insp devi essere munito di una delle seguenti identità:

  • pin cittadino Inps (puoi richiederlo presso un ufficio di competenza territoriale Inps);
  • spid, servizio di identità digitale (puoi richiederlo presso un ufficio postale).

Inoltre, per inoltrare correttamente la tua domanda, dovrai essere munito della seguente documentazione:

  • documenti di riconoscimento (propri e del coniuge);
  • certificato di cessazione attività;
  • sr163 timbrato dall’ufficio presso il quale si desidera l’erogazione della prestazione (posta o banca);

 

Questi sono i documenti basilari, ovviamente vi sono dei casi in cui serva ulteriore documentazione.

Se si richiedesse ad esempio l’integrazione al trattamento minimo, sarebbe opportuno integrare un modello attestante i redditi (730, unico, ecc.).

Ma non ti preoccupare, all’interno del video ti spiego quando è opportuno integrare ulteriore documentazione.

Domanda di pensione di vecchiaia tutorial

Adesso non mi resta che augurarti una buona visione!