Tempo di lettura 2 minuti

La Naspi 2019 è una prestazione previdenziale che può essere richiesta da tutti quei soggetti che hanno involontariamente o volontariamente, per giustificati motivi oggettivi (mancato pagamento delle retribuzioni da parte del datore di lavoro), perso il lavoro.

 

Naspi 2019: Cosa cambia

Dal 2019 la domanda di Naspi può essere inoltrata all’Inps congiuntamente con la domanda del reddito di cittadinanza, e oltre a questa novità vi è anche la semplificazione da parte dell’Inps per la procedura di invio della stessa, mediante il portale telematico, che ha come obiettivo quello di rendere autonomi i cittadini nell’inoltro delle proprie prestazioni previdenziali.

 

Naspi 2019: Diritto e importo

I requisiti Naspi 2019 per accedere alla prestazione sono:

  • Essere in stato di disoccupazione;
  • Essere in possesso di almeno 13 settimane di contribuzione nei quattro anni precedenti lo stato di disoccupazione;
  • 30 giorni di lavoro effettivo negli ultimi 12 mesi precedenti lo stato di disoccupazione.

Una clausola fondamentale per non perdere il diritto alla Naspi 2019 è il modo in cui si concretizza lo stato di disoccupazione.

I lavoratori hanno diritto a percepire la Naspi 2019 solo nel caso in cui la perdita del lavoro è involontaria, anche se esistono alcune eccezioni che potrebbero comunque concretizzarne il diritto, andiamo a vedere quali:

  • Licenziamento a seguito del rifiuto del lavoratore a trasferirsi presso un’altra sede della stessa azienda distante più di 50 chilometri dalla residenza del lavoratore e raggiungibile in più di 80 minuti con mezzi di trasporto pubblici;
  • Risoluzione consensuale, qualora sia intervenuta nell’ambito di una procedura conciliativa presso la direzione territoriale del lavoro;
  • Licenziamento con accettazione dell’offerta di conciliazione proposta dal datore di lavoro entro i termini di impugnazione stragiudiziale del licenziamento;
  • Licenziamento per giusta causa;
  • Maternità.

 Con la circ. n. 5 del 5 gennaio 2019 l’Inps ha provveduto ad aggiornare gli importi della Naspi 2019.

L’importo Naspi 2019, secondo la suddetta circolare, è pari a 1.221,24 e non può comunque superare un importo di 1.328,76.

Per effettuare il calcolo dell’importo della Naspi 2019 occorre essere in possesso del proprio estratto contributivo, disponibile presso il portale dell’Inps o reperibile presso un ente di patronato, e munirsi di calcolatrice.

Una volta in possesso dell’estratto contributivo, si dovranno sommare tutte gli importi relativi alle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali che sono state percepite negli ultimi 4 anni, dividere queste per il numero di settimane di contribuzione, e moltiplicare il risultato per il coefficiente 4,33.

  • Se il risultato darà un importo maggiore a 1.221,24 euro alla quota del 75% va aggiunto un importo pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo, che comunque non potrà mai essere superiore ai limiti stabiliti pari a 1.328,76;
  • Se il risultato darà un importo pari o inferiore a 1.221,24 euro l’importo al quale si avrà diritto sarà pari al 75%.