Tempo di lettura < 1 minuto

Che cos’è?

L’indennità per ciechi civili assoluti è una provvidenza economica che è stata introdotta dall’art. n. 1 della L. n. 406/1968 a favore di quei soggetti riconosciuti ciechi totali.

 

Indennità per ciechi civili assoluti: Requisiti

Per ottenere l’indennità è necessario soddisfare i seguenti requisiti:

  • Cittadinanza italiana o regolare permesso di soggiorno di almeno un anno per cittadini stranieri;
  • Residenza stabile e abituale sul territorio italiano;
  • Essere riconosciuti ciechi assoluti dalla commissione competente;
  • Nessun limite di età;
  • Nessun limite reddituale.

 

Indennità per ciechi civili assoluti: Durata e decorrenza

L’indennità viene erogata dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda, viene corrisposta in 12 mensilità con un importo mensile variabile annualmente.

Incompatibilità e cumulabilità

L’indennità è incompatibile con l’invalidità di guerra, di lavoro o di servizio, ma ovviamente i soggetti richiedenti possono optare alla scelta del trattamento più favorevole.

E’ cumulabile con le prestazioni concesse a titolo di invalidità civile totale o di sordo, è compatibile con l’attività lavorativa e a differenza dell’indennità di accompagnamento per invalidi civili, spetta per intero anche se chi la richiede è ricoverato presso una struttura sanitaria con retta a carico dello stato.

Indennità per ciechi civili assoluti: Importi e limiti reddituali:

Come accennato nel precedente paragrafo l’indennità non è soggetta a limiti reddituali, l’importo nel 2019 è stato fissato a 921,13 euro.